articoli

E’ assurdo affermare che i bambini trans vengano spinti a fare la transizione!

original article

I bambini transgender sono una grande fonte di controversie. Ma sono anche esseri umani.

Negli ultimi due anni, articoli su articoli pubblicati su moltissimi giornali hanno messo in dubbio sia l’ assistenza sanitaria che il supporto che i genitori offrono ai bambini transgender, in particolare la pratica reversibile e non medica della transizione sociale, cioè consentire a un bambino di vivere e vestirsi come un genere diverso da quello a cui è stato assegnato alla nascita.

Con titoli come “Perché i bambini transgender dovrebbero aspettare la transizione” e “Fare in modo che i bambini scelgano presto la loro identità di genere potrebbe ritorcersi contro loro stessi”, tutti questi articoli descrivono un mondo in cui i bambini vengono portati di fretta verso la transizione in giovane età.

Se non ascoltiamo la polemica mediatica spesso superficiale su questo tema e parliamo invece con esperti che stanno effettivamente lavorando con le famiglie di bambini transgender e di genere non conforme – inizia a emergere una verità molto meno allarmante: aiutare la transizione dei bambini non è affatto sbagliato, sconsigliato e irreversibile come dicono i media. Al contrario, può essere salvavita.

Kristina Olson, professoressa associata di psicologia all’Università di Washington e direttrice del Trans Youth Project presso il Social Cognitive Development Lab di UW, ha detto al The Daily Beast che inizialmente dava più peso alle credenze, diffuse da alcuni giornalisti allarmisti, che “i genitori stessero facendo fare la transizione ai loro figli troppo presto invece che lasciarli essere semplicemente dei bambini maschi cui piacevano i giochi delle femmine e viceversa. “

Poi, però, la Olson ha fatto ricerche sulle famiglie di bambini che hanno fatto la transizione sociale e le sue opinioni sono cambiate.

“Fondamentalmente ciò che è cambiato [per me] è che ho scoperto che molte, molte di queste famiglie, tra cui alcune delle famiglie che conosco meglio, hanno attraversato questa fase”, ha detto, riferendosi al fatto che molti genitori di bambini transgender da lei conosciuti avevano già lasciato che i propri figli adottassero comportamenti e preferenze che sfidavano le aspettative di genere senza consentire loro di fare la transizione sociale.

Per questi bambini, tuttavia, la permissività dei genitori sull’espressione di genere non aveva risolto la questione di fondo: la loro identità di genere.

“Questi bambini non pensavano che ciò rappresentasse chi erano”, ha spiegato Olson. “Loro non erano bambini maschi cui piacevano le cose da femmina. Loro erano delle femmine!”

Il famoso studio di Olson del 2016 sul Trans Youth Project, un’analisi longitudinale unica nel suo genere sulla salute mentale dei bambini transgender di età compresa tra 3 e 12 anni, pubblicata sulla rivista Pediatrics, ha svelato che “i bambini transgender che hanno fatto la transizione sociale e che sono sostenuti nel loro genere, presentano livelli di depressione assolutamente normali e solo livelli minimi di ansia, il che suggerisce che le patologie psicologiche che riguardano i minori trans (depressione, ansia ecc.) sono assolutamente evitabili. ”In effetti, il loro punteggio medio di depressione era quasi esattamente in linea con la media nazionale dei minori cis”.

Ciò è in netto contrasto con gli studi precedenti su bambini con varianza di genere cui non è stato permesso di fare la transizione sociale, nei quali erano stati riscontrati tassi di psicopatologia”, come la depressione e l’ansia.

In altre parole, sebbene la ricerca sia ancora all’inizio, la transizione sociale può aiutare i bambini transgender ad evitare risultati negativi sulla salute mentale.

In effetti, quando l’allora presidente dell’American Academy of Pediatrics, il dott. Bernard Dreyer, ha letto lo studio di Pediatrics, ha scritto in una lettera all’associazione medica: “Sembra che non ci siano danni – ma anzi possibili benefici – da una transizione sociale che avviene col supporto della famiglia“.

Gran parte delle discussioni sulla transizione sociale nei minori trans deriva da un malinteso riguardo come funziona questo processo.

Innanzitutto, la transizione sociale, è completamente reversibile: le modifiche a nomi, pronomi e vestiti possono essere annullate in qualunque momento. In secondo luogo, anche quando si arriva a prendere i bloccanti della pubertà, la transizione continua ad essere “completamente reversibile”, secondo gli Standard of Care consultati spesso dalla World Professional Association of Transgender Health – e tali bloccanti vengono somministrati solo all’inizio della pubertà.

Solo da questo momento in poi i minori possono sottoporsi a trattamenti ormonali cross-sex – e anche in questo caso, gli effetti del trattamento sono “parzialmente reversibili”, secondo la WPATH. Interventi irreversibili come gli interventi chirurgici non vengono considerati fino alla maggior età.

Ciò lascia molto tempo a disposizione dei bambini, delle famiglie e dei professionisti della salute per prendere decisioni insieme, soprattutto nella fase iniziale e durante la transizione sociale, fase completamente reversibile.

“L’idea secondo cui le famiglie prendono queste decisioni in modo poco consapevole, o senza pensarci abbastanza su, non è la storia che ascoltiamo dalle famiglie che hanno già preso questa decisione”, dichiara Lily Durwood, una studentessa laureata del Regno Unito e co-autrice dello studio di Olson.

L’anno scorso, Olson e Durwood hanno scritto insieme un pezzo che criticava i recenti articoli scritti sulla transizione sociale per i bambini transgender, articoli spesso speculativi e alimentati da aneddoti personali.

“Nonostante l’allarmismo sull’esistenza di vari movimenti che cercano di persuadere i genitori a far fare la transizione sociale ai loro figli e che si preoccupano e temono che ciò li porti a una vita di trattamenti ormonali e chirurgici, non esistono prove che questo sia vero” hanno scritto.

Una giornalista a cui i ricercatori si sono espressamente rivolti, Debra Soh, ha scritto per il Wall Street Journal e il Pacific Standard riguardo la sua esperienza di “bambina di genere non conforme” che crescendo è stata felice poi di restare nel suo genere biologico. Questo per sottintendere che una transizione sociale precoce potrebbe mettere i bambini come lei sulla strada del trattamento medico anche quando non necessario.

Ma i clinici che lavorano a stretto contatto con bambini transgender e di genere non conforme, come i terapeuti Jean Malpas e Benjamin Davis dell’Ackerman Institute for the Family’s Gender and Family Project, affermano che i media spesso non comprendono le sfumature e la differenza che esiste tra espressione di genere ed identità di genere – e che nessuno spinge i bambini attraverso il processo.

Ci sono molti bambini, dice Malpas, che sembrano felici di adottare un’espressione di genere ampia senza transizione sociale – e non sorprende che alcuni di questi bambini finiscano per cambiare quell’espressione più avanti nella vita. Ma ci sono anche bambini che sono “coerenti, persistenti e insistenti” nel loro sentirsi di un altro genere. E questo è quando la transizione aiuta.

“È solo quando un bambino è stato molto chiaro per un lungo periodo di tempo in modo coerente in contesti diversi con i genitori, con altre persone nelle loro famiglie che poi supportiamo la famiglia nel prendere la decisione di fare una transizione sociale “, ha detto Malpas a The Daily Beast.

Davis ha affermato di comprendere che gli osservatori esterni con una limitata esperienza nel settore potrebbero essere preoccupati del fatto che i clinici “spingono [i bambini] verso la transizione molto rapidamente”.

“In realtà, non è affatto quello che sta succedendo”, ha affermato in maniera decisa.

È vero, come generalmente concordano ricercatori, clinici e professionisti medici in questo campo – e come i critici della transizione sociale si preoccupano di sottolineare – che studi precedenti hanno dimostrato che molti bambini che presentano una varianza di genere non persisteranno fino all’età in cui avrebbero luogo gli interventi medici.

Ma la varianza di genere comprende un enorme gruppo di bambini e raggrupparli tutti insieme, dice Davis, vuol dire “comprimere in un unico gruppo sia persone che sono molto binarie sia gli “esploratori di genere”.

Come ha scritto Brynn Tannehill per The Huffington Post, è difficile trarre conclusioni sulla percentuale di bambini che non persistono “sia il numeratore che il denominatore sono sconosciuti”.

Negare o ritardare la transizione – e in seguito, le cure mediche – a bambini transgender “coerenti, persistenti e insistenti” semplicemente perché c’è una popolazione più ampia di bambini che semplicemente sono di genere non conforme vuol dire , secondo Tannehill, fare del male per nulla.

E cercare di convincere i bambini transgender che non sono realmente transgender – come hanno chiarito le associazioni mediche – non è etico.

WPATH, ad esempio, riconosce che la transizione sociale durante l’infanzia è “una questione controversa” che necessita di ricerche future, ma l’associazione è fermamente convinta che qualsiasi trattamento “mirasse a cercare di cambiare l’identità e l’espressione di una persona per diventare più congruente con il sesso assegnato alla nascita “—Anche noto come terapia riparativa o di conversione — non ha successo e “non è considerato etico ”.

(Per quanto riguarda la transizione sociale, le linee guida della WPATH affermano che “gli operatori sanitari possono aiutare le famiglie a prendere decisioni in merito ai tempi e al processo di eventuali cambiamenti del ruolo di genere per i loro bambini piccoli” e che i genitori dovrebbero chiarire ai loro figli che la transizione sociale è reversibile.)

Con questo approccio attento, il rischio di offrire ai bambini trattamenti medici non necessari sembra essere molto basso. Le linee guida della Endocrine Society del 2009 in questo settore raccomandano che gli endocrinologi aiutino gli “adolescenti transessuali” “sopprimendo la pubertà … fino all’età di 16 anni, dopo di che possono essere somministrati ormoni sessuali”.

Uno studio del 2011 sul Journal of Sexual Medicine ha seguito 70 adolescenti che hanno raggiunto il momento dell’assunzione dei bloccanti. I loro risultati: “Nessun adolescente si è ritirato indietro di fronte alla soppressione della pubertà e tutti hanno poi iniziato il trattamento ormonale cross-sex, il primo passo verso la riassegnazione di genere”.

Negare questi trattamenti può avere conseguenze disastrose. Gli standard of care della WPATH affermano che “evitare i bloccantie la successiva terapia ormonale femminizzante o mascolinizzante non è un’opzione neutra per gli adolescenti” perché può “prolungare la disforia di genere” e aumentare il “disagio psichiatrico” (PDF).

Non c’è dubbio che tutti coloro che lavorano in questo campo desiderano maggiori informazioni. Gli Standard of care della WPATH fanno notare che “la ricerca sui bambini che hanno completato le prime transizioni sociali fornirà informazioni importanti per le future raccomandazioni cliniche”.

Olson e Durwood, che affermano che la loro ricerca proprio su questo gruppo di bambini ha prodotto buoni risultati, stanno raccogliendo ancora più informazioni sugli esiti a lungo termine della transizione sociale e sul ruolo di sostegno dei genitori, finanziamenti permettendo.

Ma suonare le campane d’allarme in questo momento non aiuta nessuno, specialmente non aiuta i bambini transgender.

“I nostri risultati suggeriscono che i bambini che stanno vivendo nel loro genere sentito (che quindi hanno fatto la transizione sociale) hanno una buona salute psicologica e hanno uno sviluppo di genere corrispondente a quello dei loro coetanei”, ha detto Olson. “E non abbiamo riscontrato alcun risultato preoccupante o allarmante”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *