articoli

Lucas Platero: “In passato, i bambini che infrangevano le regole erano o delle checche o, le bambine, dei maschiacci”.

Lucas Platero. Intervista in eldiario.es /catalunya

14 gennaio 2015

 

La sociologia parla degli stereotipi di genere, della realtà dei minori transgender e di come educare accompagnando i giovani

Lucas Platero, alla nascita Raquel, è un sociologo, specializzato in questioni di genere. Insegna in vari programmi universitari della sua zona e in cicli di formazione per l’intervento sociale e comunitario. Recentemente ha pubblicato Trans*sexualidades (ed. Bellaterra), un libro che, si dice, “si propone come strumento di cambiamento sociale”. Proprio per questo pone l’accento sull’educazione, offrendo una serie di strumenti per il lavoro dei professionisti dell’educazione e per l’intervento socio-comunitario. Usa il termine “trans*” per sottolineare la diversità delle realtà. Tale è la diversità che gli strumenti che offre servono a rompere gli stereotipi che riguardano tutte le persone, soprattutto i bambini e i giovani, al di là della loro identità sessuale o di genere.

Molte persone si stupiscono quando sentono parlare di bambini transgender, probabilmente a causa degli stereotipi. Come spiegheresti loro che cos’è la transessualità?

Ci sono sempre stati bambini e bambine che non rispondono alle aspettative delle loro famiglie o delle loro scuole. A volte, questo ha a che fare con la capacità fisica, le competenze o la sessualità, e in questo caso si tratta di identità di genere. Nelle scuole o nelle ludoteche ci sono sempre più bambini femminili o ragazze più maschili, questa espressione può essere temporanea o non particolarmente intensa, ma in alcuni casi sarà un atteggiamento che per la sua persistenza, durata e intensità ha una qualità diversa, quindi [queste persone] avranno bisogno di più sostegno, poiché sono vulnerabili alla discriminazione.

Se pensiamo alla realtà dei minori, gli spazi in cui socializzano sono segregati per genere, sono i servizi igienici, le divise, le attività… Se vuoi appartenere a un altro genere diverso da quello assegnato alla nascita, le norme sociali e istituzionali ti impediscono di farlo e ti puniscono se trasgredisci. Anche alcuni insegnanti arrivano a percepire le persone trans come conflittuali, proprio perché infrangono quelle regole, invece di pensare che siano le regole rigide a causare le rotture. Per alcune famiglie, queste realtà trans* rompono con le aspettative che avevano per i loro figli e devono riconciliarsi, a volte anche elaborare il lutto, adattandosi ai propri bisogni e, a sua volta, alle esigenze dei figli.

La definizione non è semplice.

Le persone transgender* sono tali nella misura in cui si considerano transgender. Non mi interessa tanto la questione della diagnosi, quanto il ruolo che la persona ha nel decidere della propria vita, con il sostegno delle persone che la circondano. Il compito degli adulti è quindi quello di accompagnare e aiutare questi giovani a rendere la loro vita il più felice possibile, e non di metter loro fretta quando si tratta di affermare la loro identità, perché sono loro a dover decidere. Mi interessa molto che questo venga dai genitori stessi, che sottolineano che la cosa importante è accompagnare, cosa su cui anche molti professionisti e attivisti sono d’accordo. Le definizioni e i protocolli su come agire in spazi come le scuole o i centri per minori sono qualcosa che noi adulti consideriamo, per giustificare le nostre azioni a chi preferirebbe che le punissimo o le correggessimo. I bambini, a loro volta, hanno bisogno di protocolli che permettano loro di fare alcuni cambiamenti, in modo da poter vivere secondo le loro esigenze. Sono cose semplici e concrete; è logico che un bambino possa chiamarsi come vuole. Se non vi sentite identificati con il nome sulla vostra carta d’identità, qual è il problema nel chiamarvi con un altro nome? Questo non solo succede alle persone trans*, ma è molto più difficile cambiare legalmente il proprio nome o far sì che le persone rispettino la propria identità.

Non sono solo le persone trans a subire le conseguenze di queste regole.

Il sessismo fa male sia agli uomini che alle donne, non solo alle persone che stano effettuando la transizione o che l’hanno effettuata. La mascolinità costruita sulla competitività, sull’aggressività come una certa femminilità delle ragazze modeste, ci imprigiona in ruoli di genere molto limitati. Mettere in discussione l’identità del corpo o i ruoli binari di genere è importante, ad esempio affinché le ragazze sappiano che possono diventare quello che vogliono, o che un ragazzo non deve necessariamente essere il tipico macho. Per me, non si tratta solo di non discriminare le persone trans*, ma anche di mettere in discussione queste regole molto rigide, cosa che va a vantaggio di tutti noi.

Le scuole educano in un rapporto molto specifico tra sesso e genere?

Il programma per la scuola dell’infanzia (al di sotto dei sei anni) comprende un criterio per valutare se i bambini e le bambine identificano chiaramente il genere degli altri e il proprio. Iniziamo l’esperienza educativa imparando un binarismo molto forte. Forse dovremmo considerare la convenienza di queste richieste e l’importanza di incontrare altre esperienze educative con insegnanti che vanno al di là del programma ufficiale e che rispettano le esigenze dei bambini e le bambine.

E come dobbiamo rispondere a questo binarismo?

È importante che le bambine e i bambini abbiano un immaginario con molti riferimenti e diversi modi di esistere nel mondo, che permetta loro di pensare in modo più pluralistico. Pensiamo che l’interesse a separare ciò che è ragazza o ragazzo contenga una chiara pressione consumistica, sull’uso del rosa per le ragazze o dei giocattoli d’azione progettati per i ragazzi; differenziarli serve a creare spazi di mercato. Non puoi usare la bici rosa di tua sorella perché non è adatta a un ragazzo. Chi dice una bicicletta, dice un maglione o una penna.

D’altra parte, vorrei sottolineare che ci sono esperienze nelle scuole che si basano sulla comunicazione tra famiglie, insegnanti e studenti, che propongono modelli non sessisti, che mettono in discussione la rigidità di questi binarismi e che lavorano attivamente per i diritti dei minori trans*, rendendo possibile la loro transizione o generando spazi neutri di genere. In questo senso, è fondamentale riconoscere il lavoro di associazioni come Chrysallis o AMPGIL en Catalunya, che stanno facendo un lavoro estremamente importante per garantire il rispetto dei fanciulli.

La situazione è diversa ora rispetto a qualche anno fa: stiamo migliorando?

Abbiamo cominciato a concepire altre realtà che prima non avevamo, come il fatto che anche i minori hanno genere e sessualità. Prima tutti i bambini e le bambine che infrangevano le regole erano delle checche o dei maschiacci, ma ora i media e le reti ci restituiscono immagini più diverse e possibili. Ora stiamo meglio perché ci sono persone trans* che sono visibili, che dimostrano che la loro vita è possibile e diversa, ci sono anche più diritti e una maggiore visibilità delle famiglie che difendono i loro figli e le loro figlie trans*, professionisti che vogliono innovare e rifiutano le terapie riparative… Voglio pensare che stiamo trasformando la società di giorno in giorno, un po’.

Quindi la chiave è conoscere altre possibili realtà?

È fondamentale che i bambini incontrino altre persone in situazioni simili, altre famiglie e adulti trans* che possano aiutarli a immaginare un futuro possibile. Se pensi di essere l’unica persona trans* al mondo, la sensazione di solitudine è molto grande. Se incontrate gli altri, potete imparare le strategie e condividere le vostre preoccupazioni.

E in questa conoscenza di altre realtà Internet avrà avuto un ruolo importante…

Non c’è dubbio! Internet ha un ruolo fondamentale, nel bene e nel male. Da un lato, permette di accedere a informazioni sulla transessualità o sulla sessualità non-normativa, incontrare altre persone in situazioni simili. E d’altra parte, Internet è servito anche come strumento di bullismo, come nel caso della giovane Carla di Gijón che i suoi compagni di classe chiamavano “strabica” e “lesbica”, e dove c’è stata una condanna delle giovani donne che l’hanno indotta a suicidarsi. O nel caso della giovane trans* americana Leelah Alcorn, che ha scritto nel suo blog che la sua identità negata e la mancanza di sostegno da parte dei genitori sono state il motivo del suo suicidio. Internet e i social network fanno parte del nostro tempo, hanno aiutato queste giovani persone ad esprimersi e a generare una mobilitazione mondiale, che denuncia la violenza che i giovani subiscono a causa della loro sessualità e della loro identità di genere.

Poi c’è il lato negativo,cioè si possono usare tutti gli strumenti dei social media per vessare le persone. Tutto dipende da come si utilizzano i media a disposizione. Immaginiamo che qualcuno molto giovane metta parole come “trans, transgender o transessuale” in un motore di ricerca, troverà ogni tipo di informazione, da leggi, associazioni o pagine porno, il che significa che occorre generare materiale specifico, e questo è l’obiettivo che sto perseguendo con il libro Trans*sexualidades.

Questi materiali specifici vengono realizzati?

Alcune cose sono state fatte e tutti noi stiamo tessendo insieme una tela di risorse. Chi di noi ha il compito di scrivere, trovare libri e materiali ha la responsabilità di farlo molto bene, perché c’è un grande bisogno di conoscere e ancora pochi materiali. Recentemente il giornale Diagonal ha pubblicato un’intervista sul nostro libro e diverse persone ci hanno già scritto per ringraziarci, dimostrando la necessità di parlare di questo argomento.

D’altra parte, quello che mi è chiaro è che l’informazione è molto importante, ma non è sufficiente, sapere che la transessualità esiste non è sufficiente. Nel nostro libro ci sono definizioni per comprendere le realtà trans*, viene mostrato il quadro giuridico e medico, e sono incluse le testimonianze di molte persone. Ma dobbiamo fare un passo avanti, dobbiamo denunciare la transfobia e la discriminazione che ancora esistono, dobbiamo rendere più facile per le persone acquisire maggiori competenze per comprendere e vivere con le persone trans* in modo rispettoso, confrontandoci con le loro idee sbagliate e i miti esistenti. Con questo obiettivo, il libro contiene proposte di intervento sociale, tra cui la prevenzione e l’azione contro la transfobia, nonché attività e risorse di gruppo che ci permettono di affrontare i nostri atteggiamenti e di approfondirli con materiali accessibili (letteratura per ragazzi, saggi, materiale audiovisivo, film, ecc).

Con il libro hai anche avuto modo di scoprire molte realtà.

Aver scritto questo libro mi ha portato a fare un grande lavoro di ricerca ed è stata un’esperienza fantastica! Ho intervistato persone trans*, le loro famiglie, professionisti che lavorano con persone trans* e attivisti trans*. Ciò che più colpisce è l’eterogeneità che ho riscontrato: le persone trans* intervistate sono lavoratori con background molto diversi, alcuni sono genitori, altri sono bambini e bambine molto piccoli che si interrogano sulla loro identità, oppure sono già persone molto anziane che riflettono su come le loro esperienze sono cambiate nel tempo.

È stato molto illuminante ascoltare e conoscere bambine e bambini di cinque o sei anni che cercano parole per esprimersi, per costruire un rapporto con il loro ambiente e vedere gli sforzi che le loro famiglie fanno per ascoltarli.

Sono stati quattro anni di colloqui con persone molto diverse tra loro e ho imparato a non giudicare le persone. Da quelle che si considerano “donne vere”, a quelle che dicono che i ruoli di genere che abbiamo non funzionano. Mi sono imbattuto in una grande eterogeneità, per questo mi piace parlare di realtà trans* con un asterisco, perché ci sono identità ed esperienze molto diverse. Mi interessa proprio questa nozione plurale di transessualità. Non tutte le persone passano da un genere all’altro, alcune semplicemente rifiutano il genere assegnato alla nascita. Ed è proprio con l’asterisco che voglio sottolineare questa diversità, mentre allo stesso tempo possono trovare consenso anche nella lotta contro la discriminazione.

Tu parli dell’importanza dell’ascolto, che è proprio uno dei diritti di bambini e bambine 

Il mancato rispetto dell’identità di genere di un bambino o una bambina o la necessità di esprimersi rispetto alla sua identità costituisce una violazione dei diritti del bambino, così come l’articolo 10 della Costituzione [spagnola] sul libero sviluppo della personalità. Spesso si sostiene che bisogna evitare che i giovani esprimano la loro identità discordante, per il “bene del minore”, che è un argomento per applicare una punizione o per mandare il bambino in terapia correttiva, in modo che sia “come dovrebbe essere”. Questo è terribile, perché stiamo inviando un messaggio molto chiaro che la persona non va bene, che è malata, sbagliata, e non amabile. Questa risposta negativa ha un impatto brutale sulla loro vita e sul rapporto che costruiscono con la famiglia e l’ambiente. Il bene del minore è accompagnarlo nella sua crescita, lasciarlo esperimentare ed esprimere se stesso.

D’altra parte, è anche un’esperienza che può essere difficile per le famiglie, che devono riconsiderare le loro aspettative. Secondo la mia esperienza, ci sono molti genitori che sono  disposti ad ascoltare e ad imparare insieme ai loro figli. I genitori devono capire che non sono loro ad avere figli, ma che sono i figli ad avere i genitori.

 

http://www.feministas.org/lucas-platero-antes-los-ninos-y.html

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *